martedì 31 agosto 2010

Samurai! di Saburo Sakai



"lo Zero rollava e sbandava; per quanto facessi, non riuscivo a tenerne orizzontali le ali; cercavo di tenere la mano in una certa posizione, ma non riucivo ad avvertire il momento in cui essa si spostava a sinistra oppure a destra, facendo di conseguenza inclinare il velivolo. Ero pronto a morire; ero perfettamente conscio che non avrei potuto continuare a lungo in quel modo, ma mi ero giurato che non sarei morto da codardo, che non mi sarei abbandonato fino al punto di planare senza reagire, fino a infilarmi nel mare, fino a quando cioè un ultimo guizzo di dolore mi avrebbe piombato nel nulla. Se dovevo morire dovevo almeno farlo da samurai e la mia morte avrebbe dovuto trascinare altre vite nemiche con me. Volevo soltanto una nave: avevo bisogno di una nave nemica... / ...A un tratto ebbi la sensazione di sentirmi sollevato sul sedile: ero forse entrato in una colonna di aria discendente? Tutto mi appariva così strano! Mi ritrovai di nuovo in volo rovescio e non mi ero accorto che il velivolo ruotava sul proprio asse fino a che non ero rimasto appeso per le cinghie del seggiolino. Ripresi lentamente la posizione di volo normale, poi sentii che qualcosa stava sbattendo sotto le ali, come se queste fossero schiaffeggiate dolcemente. Cosa poteva essere? Guardai in basso e vidi qualcosa di scuro, una sagoma indecisa che si muoveva senza posa sotto le ali del mio caccia. L'acqua! Stavo per infilami nell'oceano. Spaventato mi chinai in avanti e spinsi la manetta del gas, tirando la leva all'indietro fino a mettere lo Zero in cabrata. Arrivato a cinquecento metri di quota ridussi di nuovo il motore fino a riportarlo al regimedi minima velocità di crociera."

Saburo Sakai - Martin Caidin - Fred Saito
Samurai! La storia del pilota giapponese che diventò una leggenda: un crogiolo di azione, avventura, eroismo.
TEA

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...